Domande di verifica

 Quando e dove nacquero gli Stati moderni?

In che epoca si consolidarono?

Quali sono le caratteristiche dello Stato moderno?

Quali erano gli obiettivi di Carlo V?

Quali erano le preoccupazioni di Francesco I di Francia?

Per quali motivi era importante il ducato di Milano per Carlo V?

In che cosa consistettero la lega di Cognac e il sacco di Roma?

Cos’è la tolleranza?

Quali furono gli eventi che determinarono l’affermazione del principio di tolleranza?

Qual è la definizione di censura e i tipi di censura introdotti dalla Controriforma?

Che cosa fu la riforma cattolica e in cosa consistette la Controriforma?

Quale ruolo svolse il Tribunale dell’inquisizione?

Che cosa riaffermò?

Quando e dove affisse le 95 tesi contro la Chiesa Lutero?

Che cosa determinò la sua ribellione alla Chiesa?

Quale fu l’origine della parola “Protestantesimo”?

Quali furono i motivi del successo della riforma?

Perché Lutero tradusse la Bibbia e i Vangeli in tedesco?

Quali forze sociali e politiche appoggiarono Lutero?

 

La guerra riprese e Carlo V si trovò in grosse difficoltà. Per fortuna, Andrea Doria passò dalla parte degli Spagnoli e quindi si impedì ai Francesi di uscire dal Regno di Napoli. La Francia perse la guerra. Nel 1529 Carlo V fu incoronato dal Papa imperatore con la “corona ferrea”. La Spagna consolidava così il suo potere su Napoli, su Milano e su Firenze. Enrico II, figlio di Francesco I ormai morto, continuò la guerra del padre, alleandosi con i nemici di Carlo V come i protestanti e i pirati. Questa guerra non produsse vincitori e si arrivò nel 1556 ad una tregua. Sostanzialmente il disegno di Carlo V di dominare tutto il continente non riuscì del tutto. La Spagna era certamente una grande potenza, ma la Francia restava uno Stato del tutto indipendente dall’influenza degli Asburgo. Uno degli obiettivi di Carlo V era di trovare una soluzione pacifica ai contrasti tra cattolici e protestanti. Fallita la mediazione pacifica, Carlo V passò alle vie di fatto, armando un esercito contro i protestanti. Alla fine si giunse alla pace di Augusta che si fondava sul principio “cuius regio, eius religio” che consisteva che la libertà di religione era concesso solamente ai principi, invece se i sudditi volevano restare in quel territorio, dovevano abbracciare la religione del loro sovrano. Per quanto riguarda la difesa della cristianità contro i Turchi, anche in questo caso non ci furono grandi successi da parte di Carlo V. I Turchi avevano conquistato l’impero bizantino, Belgrado, avevano sconfitto gli Ungheresi nella battaglia di Mohàcs, assediato Vienna, conquistato Rodi e assediato più volte le coste dell’Italia e della Francia. Carlo V riuscì solamente ad impedire l’avanzata Turca, ma non ad eliminarne la minaccia. 

Domande di verificaultima modifica: 2013-01-30T16:06:15+01:00da airone182
Reposta per primo quest’articolo